Author Archives: Sergio Giangregorio

Austria allarme Islam

Il significativo mutamento demografico e religioso in atto in Austria che tradizionalmente è sempre stato un paese cattolico sembra ormai inarrestabile.
Nella capitale austriaca la popolazione di religione musulmana supera il 12,50% (dati dicembre 201…

Crisi nigeriana

Gli islamisti stanno ormai occupando la Nigeria ne vogliono fare il trampolino di lancio per raggiungere i paesi più piccoli fini a creare una enclave africana dell’ Islam integralista questo giustifica i continui attentati verso i cristiani.
E ‘ il p…

L’ATTACCO CHIMICO

La forma più comune della classificazione delle  armi chimiche è quella che si basa sugli effetti provocati sull’organismo per questo motivo imputare i decessi a seguito del presunto bombardamento siriano al Gas Sarin è quanto di più improbabile ed ine…

USA fake

USA fake

Dopo le denunce verbali senza riscontri, dopo le dichiarazioni dei militari americani che dicono al mondo di aver visto dal satellite che l’aviazione siriana di Assad bombardava con il gas sarin la popolazione civile anche questa volta senza riscontri e senza aver portato i tracciati da cui inequivocabilmente sarebbe stato possibile capire se l’attacco chimico era stato programmato da Assad, ecco l’ennesimo colpo di scena.

L’intelligence Usa, non si è capito bene quale delle tante agenzie, ha intercettato un colloquio dei piloti siriani che si preparano ad attaccare con il gas la popolazione inerme.

Naturalmente le intercettazioni rimarranno segrete e quindi, se esistono facilmente manipolabili, ma sulla base di questa ennesima “bufala“ il Presidente Trump avrà la giustificazione alle azioni di rappresaglia in Siria.

E’ sempre tutto molto strano, e la domanda sorge spontanea: se gli americani hanno intercettato l’aviazione siriana in procinto di commettere un crimine contro l’umanità perché non sono intervenuti per fermarli?

© Riproduzione Riservata 

 

USA fake

USA fake

Dopo le denunce verbali senza riscontri, dopo le dichiarazioni dei militari americani che dicono al mondo di aver visto dal satellite che l’aviazione siriana di Assad bombardava con il gas sarin la popolazione civile anche questa volta senza riscontri e senza aver portato i tracciati da cui inequivocabilmente sarebbe stato possibile capire se l’attacco chimico era stato programmato da Assad, ecco l’ennesimo colpo di scena.

L’intelligence Usa, non si è capito bene quale delle tante agenzie, ha intercettato un colloquio dei piloti siriani che si preparano ad attaccare con il gas la popolazione inerme.

Naturalmente le intercettazioni rimarranno segrete e quindi, se esistono facilmente manipolabili, ma sulla base di questa ennesima “bufala“ il Presidente Trump avrà la giustificazione alle azioni di rappresaglia in Siria.

E’ sempre tutto molto strano, e la domanda sorge spontanea: se gli americani hanno intercettato l’aviazione siriana in procinto di commettere un crimine contro l’umanità perché non sono intervenuti per fermarli?

© Riproduzione Riservata 

 

Tornano le bombe in Egitto

Tornano le bombe in Egitto

Tornano le bombe contro i cristiani, contro la quotidianità di un paese e di un popolo che cerca lentamente di tornare alla normalità, anche se con governo che non ammette contradditorio e non tollera opposizioni democratiche.

Tutto purtroppo rientra nella ormai consueta attività di destabilizzazione che le organizzazioni terroristiche etero guidate mettono in campo per generare confusione  e panico nell’area medio orientale con lo scopo di disunire il più possibile i paesi che faticosamente tentano di collaborare e di fare fronte comune contro lo spettro del terrorismo islamico.

Allora si colpisce un mercato, una  chiesa, una moschea, una caserma, vecchia tattica.

Di fronte all’effetto devastante di una bomba ci si aspettava, però, un governo egiziano più attento alla difesa degli obiettivi citati.

In Egitto l’Intelligence utilizza ingenti risorse economiche ed umane per fare indagini anche sul nulla, ma si dimentica di procedere alla difesa passiva degli obbiettivi sensibili, nei giorni più a rischio dell’anno.

Strano, molto strano.   

© Riproduzione Riservata 

Tornano le bombe in Egitto

Tornano le bombe in Egitto

Tornano le bombe contro i cristiani, contro la quotidianità di un paese e di un popolo che cerca lentamente di tornare alla normalità, anche se con un governo che non ammette contraddittorio e non tollera opposizioni democratiche.

Tutto purtroppo rientra nella ormai consueta attività di destabilizzazione che le organizzazioni terroristiche etero guidate mettono in campo per generare confusione  e panico nell’area medio orientale con lo scopo di disunire il più possibile i paesi che faticosamente tentano di collaborare e di fare fronte comune contro lo spettro del terrorismo islamico.

Allora si colpisce un mercato, una  chiesa, una moschea, una caserma… vecchia tattica.

Di fronte all’effetto devastante di una bomba ci si aspettava, però, un governo egiziano più attento alla difesa degli obiettivi citati.

In Egitto l’Intelligence utilizza ingenti risorse economiche ed umane per fare indagini anche sul nulla, ma si dimentica di procedere alla difesa passiva degli obbiettivi sensibili, nei giorni più a rischio dell’anno.

Strano, molto strano.   

© Riproduzione Riservata