Tag Archives: America

USA fake

USA fake

Dopo le denunce verbali senza riscontri, dopo le dichiarazioni dei militari americani che dicono al mondo di aver visto dal satellite che l’aviazione siriana di Assad bombardava con il gas sarin la popolazione civile anche questa volta senza riscontri e senza aver portato i tracciati da cui inequivocabilmente sarebbe stato possibile capire se l’attacco chimico era stato programmato da Assad, ecco l’ennesimo colpo di scena.

L’intelligence Usa, non si è capito bene quale delle tante agenzie, ha intercettato un colloquio dei piloti siriani che si preparano ad attaccare con il gas la popolazione inerme.

Naturalmente le intercettazioni rimarranno segrete e quindi, se esistono facilmente manipolabili, ma sulla base di questa ennesima “bufala“ il Presidente Trump avrà la giustificazione alle azioni di rappresaglia in Siria.

E’ sempre tutto molto strano, e la domanda sorge spontanea: se gli americani hanno intercettato l’aviazione siriana in procinto di commettere un crimine contro l’umanità perché non sono intervenuti per fermarli?

© Riproduzione Riservata 

 

USA fake

USA fake

Dopo le denunce verbali senza riscontri, dopo le dichiarazioni dei militari americani che dicono al mondo di aver visto dal satellite che l’aviazione siriana di Assad bombardava con il gas sarin la popolazione civile anche questa volta senza riscontri e senza aver portato i tracciati da cui inequivocabilmente sarebbe stato possibile capire se l’attacco chimico era stato programmato da Assad, ecco l’ennesimo colpo di scena.

L’intelligence Usa, non si è capito bene quale delle tante agenzie, ha intercettato un colloquio dei piloti siriani che si preparano ad attaccare con il gas la popolazione inerme.

Naturalmente le intercettazioni rimarranno segrete e quindi, se esistono facilmente manipolabili, ma sulla base di questa ennesima “bufala“ il Presidente Trump avrà la giustificazione alle azioni di rappresaglia in Siria.

E’ sempre tutto molto strano, e la domanda sorge spontanea: se gli americani hanno intercettato l’aviazione siriana in procinto di commettere un crimine contro l’umanità perché non sono intervenuti per fermarli?

© Riproduzione Riservata 

 

Trump il presidente flessibile

Trump il presidente flessibile

Dall’attendismo di Obama siamo passati all’interventismo di Trump, il gioco come al solito è truccato ed il nuovo Presidente Usa governa gli Stati Uniti sempre più a corrente alternata.

Sulla vicenda di Idlib ha dichiarato e messo in pratica la sua flessibilità peccato che lo abbia fatto senza alcun riscontro oggettivo, senza alcuna prova che il responsabile della strage sia stato Assad e senza neppure cercare di capire perché è successo e quali agenti chimici siano stati usati.

Serviva un pretesto per stroncare l’espansione Russa in Siria , per mescolare ancora le acque già torbide e permettere a Trump finalmente di mostrare i muscoli.

Ed i muscoli li abbiamo visti oltre 50 missili lanciati sulla base aerea siriana, una vera boccata d’ossigeno per i terroristi.

Ora ragioniamo sulla continua sclerosi politica degli Usa che alto combattono gli oppositori di Assad e dall’altro combattono contro Assad.

Nelle prossime settimane certamente Trump tenterà ancora di mostrare i muscoli anche diversificando su altre aree la sua azione militare.

© Riproduzione Riservata 

Donald Trump and Hillary Clinton

Report elezioni USA

Trump - Clinton

Trump se vuole vincere le elezioni deve conquistare, in queste ultime ore, con certezza lo Utah, l’Arizona.

Forse lo Utah e la Georgia sono già nelle sue mani ,ma l ‘Arizona è più difficile ed il suo vantaggio ad oggi nello stato è troppo sottile.

Se Trump riuscisse ad avere già domani la maggioranza in Utah, Georgia, Arizona, Carolina del Sud, Florida ed Ohio arriverebbe  quasi a 253 punti e gliene mancherebbero ancora una ventina per vincere.

Servirebbe allora vincere in Pennsylvania. Questo stato è in bilico anche per la Clinton, ma proprio qui la Clinton concluderà la campagna elettorale con tutti i super big  insieme al marito ed ad Obama.

Questa circostanza oltre alla scia del Presidente uscente ed alla recente dichiarazione dell’FBI che la scagiona in modo definitivo ed infine alla comunità ispanica a suo favore faranno vincere la Clinton.

Perdendo la Pennsylvania Trump ha come ultima chance quella di puntare su altri piccoli stati Lowa, Nevada, Maine e NewHampshire ma le informazioni sui dati reali sono troppo altalenanti e le incertezze dal punto di vista mediatico e concreto favoriscono la Clinton, che comunque ha già deciso di fare una ribattuta in questi paesi.

Ultimissima possibilità per Trump è quella di strappare voti in Michigan, Wisconsin , Colorado, Virginia , New Mexico.

Ma è tutto troppo tardi,  i finanziatori delle campagne elettorali dei due contendenti sono in larga maggioranza gli stessi ed hanno già deciso di far eleggere il cosiddetto  candidato “meno peggio “ ed a loro più congeniale.

Per questo nonostante tutto e nonostante tutti vincerà la Clinton.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA